Porta San Giovanni

Questa porta appartenente a Tommaso Celani, prese il nome attuale nel XV secolo dall’omonima porta che in tempi più antichi sorgeva quasi in cima a via Pennina, nelle vicinanze della chiesa di San Giovanni de Statua, demolita nel Settecento.

Nella parte bassa conserva ancora le caratteristiche della parte più antica della cinta muraria, con un arco ogivale e bugne squadrate con precisione. Sopra all’arco, si può osservare la tecnica muraria più “recente”, che risale agli interventi del 1447. La porta era dotata di un ponte levatoio per attraversare il canale difensivo antistante.

La porta venne murata all’inizio del Cinquecento, per costruire la chiesa di San Liberatore. A destra della porta vera e propria, oggi si apre vicolo Fra Fedele Bressi

VISUALIZZA SU MAPPA